Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Dove sono andate a finire le tue gambe? Le mie? Non so…

“Durante i primi trentacinque o quarant’anni della nostra vita, ci siamo impegnati a salire una lunga scala per raggiungere la cima di un edificio; poi, una volta attivati sul tetto, … Continua a leggere

ottobre 9, 2021 · 3 commenti

Ian Testa – la foglia che cade e l’acerrimo amico

Ian Testa passeggia nel parco vuoto di persone. Sono le sette di mattina e, finalmente, un poco di vento soffia sulle cose. Il sogno di quella notte si ripresenta per … Continua a leggere

agosto 21, 2021 · Lascia un commento

Ian Testa e il Kamikaze di Ferragosto

Seduto sul bagnasciuga con le gambe incrociate, Ian Testa osserva il cocomero arenato nella sabbia sottile, per metà coperto d’acqua. Il sole picchia sul frutto, facendolo scintillare, e sul cappello … Continua a leggere

agosto 15, 2021 · Lascia un commento

Ian Testa – Liste, distrazioni e timide fughe

Sono le sette del mattino e Ian siede alla scrivania, davanti al portatile, pronto a lavorare. Di lato, un foglio con una lunga lista di cose da fare. Gli dà … Continua a leggere

luglio 21, 2021 · Lascia un commento

Ancora, Ian Testa, si prepara alla vita

Ian Testa ha appena salutato un vecchio amico. Lo spia, con la scusa di sistemare le buste della spesa nel portabagagli. Davide si allontana veloce, incerto sulle gambe corte, malamente … Continua a leggere

aprile 17, 2021 · 4 commenti

Insonnia, stanchezza e divano – Ian Testa

Pollicino ha appena avuto il tempo per architettare la fuga dalla casa dell’orco che i bambini già dormono. Ian Testa indugia un attimo, prima di spegnere la lucina da campeggio … Continua a leggere

febbraio 20, 2021 · Lascia un commento

Ian Testa – Annuncio per ritrattista

Vivo in periferia, e questo mi rende simile a molti altri. Mi chiamo Ian Testa e sono un soggetto pronto a farsi oggetto. Immerso nel quotidiano, nell’inautentico direi, abito in … Continua a leggere

gennaio 16, 2021 · 6 commenti

Ian Testa non se ne può lavare le mani

Siede ad un tavolo, adesso. Tipo in una stazione o mensa o aeroporto o chissà dove. E c’è un mucchio di gente. O è l’università? La mensa. Cesare de Lollis? … Continua a leggere

luglio 25, 2020 · Lascia un commento

Ian Testa sogna sempre lo stesso sogno

È accaduto nuovamente, stanotte. Apre gli occhi quasi annoiato per l’ennesimo suo sognare lo stesso sogno sognando qualcosa di diverso, di apparentemente diverso. Non sono niente altro che una variazione … Continua a leggere

luglio 2, 2020 · Lascia un commento

È tutto surreale…o reale?

Continua a ripeterlo, pensa Ian Testa, mentre si lava la faccia. La moglie gli sta accanto, davanti allo specchio. Ti sta preparando perché fra dieci minuti deve piazzarsi di fronte … Continua a leggere

aprile 8, 2020 · Lascia un commento

18: 51 – Povero Ian Testa

Ipnotizzato dallo schermo della televisione, gli occhi fissi sul nastro tutto lettere e cifre e numeri e percentuali. Quanti giorni sono che tiene gli occhi puntati su tutti quei numeri? … Continua a leggere

marzo 14, 2020 · 3 commenti

Scaramuccia per Ian Testa

Beh, Ian Testa non sa proprio cosa dire o fare per tirarsi fuori da questa storia che mica comprende veramente. Ci sono delle persone che gli si fanno intorno, lo … Continua a leggere

settembre 7, 2019 · Lascia un commento

Ian Testa – Il primo giorno del nuovo anno

Questa volta non ha avuto nemmeno la forza per cedere all’illusione della svolta possibile, all’idea che i tempi di questa svolta sempre auspicata, agognata, rimandata, potessero essere dettati dal calendario. … Continua a leggere

gennaio 2, 2019 · 2 commenti

Ian Testa – ambiguità del padre

Ian Testa guarda l’orologio, sbuffa e dà un ultimo sguardo alla rivista a cui sta vanamente cercando di interessarsi. Si guarda intorno. Non è l’unico che non vede l’ora di … Continua a leggere

luglio 1, 2018 · 2 commenti

Ian Testa – di piccioni e sensi di colpa in una domenica mattina

Era già da qualche giorno che Ian aveva notato un certo movimento sul balcone della cucina. Prima un merlo, col becco stretto su ramoscelli foglioline e muschio, poi un piccione … Continua a leggere

Maggio 12, 2018 · 19 commenti

La domenica delle palme – ancora su Ian Testa e Orfeo

Dopo giorni e giorni di pioggia, finalmente una giornata di sole. È ancora freddo, ma il vento dei giorni scorsi è lontano, soffiato ormai chissà dove. Sono le nove e … Continua a leggere

marzo 30, 2018 · 1 Commento

Le dieci stazioni di Ian Testa – parte prima

#1 Ian Testa è sul treno, ormai quasi al termine di un viaggio di ritorno di due ore. È col figlio, che gli sonnecchia accanto nello scompartimento altrimenti vuoto. Ian … Continua a leggere

ottobre 14, 2017 · 12 commenti

Alice Miller, Il dramma del bambino dotato

L’ultimo post pubblicato – Ian Testa ci pensa su – nasceva (condividendo in questo la medesima sorte di tutti gli altri) in un ritaglio di tempo, in quello spazio di … Continua a leggere

aprile 6, 2017 · 6 commenti

Ian testa ci pensa su…

Ian Testa (forse lo si è capito) è uno di quelli che cerca sempre di tenere alta la guardia, uno che tenta di vigilare non tanto, o non solo, sulle … Continua a leggere

marzo 22, 2017 · 8 commenti

Figure del padre: Ian Testa #2

Ian Testa ha sempre fatto di tutto per sentirsi normale, nella media, e questo perché intimamente dubita di esserlo. Non c’è niente di peggio di vergognarsi di sé e delle … Continua a leggere

febbraio 18, 2017 · 5 commenti

Figure del padre: Ian Testa #1

Rispetto ad altri post dedicati alla figura del padre (qui), post che prendevano le mosse da testi di grande spessore letterario, questa volta, con Ian Testa come figura paterna, tutto … Continua a leggere

febbraio 10, 2017 · 19 commenti

Una lunga lettera di un Ian Testa assai confuso #2

Ho riletto quello che ho appena scritto (qui). Ma è anche per altri motivi che quelle pagine mi fanno tanto infuriare. Sono pretenziose. Senti qua: “forse in realtà scrivo solo … Continua a leggere

dicembre 3, 2016 · 13 commenti

Una lunga lettera di un Ian Testa assai confuso #1

Quanto tempo è passato? Una ventina d’anni, uno più uno meno. Non sono pochi, ma neppure poi così tanti. Mi ritrovo a scriverti, adesso che sono prossimo ai quaranta anni, … Continua a leggere

novembre 29, 2016 · 7 commenti

La cella di Ian Testa

Beh, una cosa è certa, questo è un periodo duro. Lo sarebbe di meno, forse, se fossi in grado di fronteggiare gli eventi facendo qualcosa di rilevante, o usando la … Continua a leggere

settembre 11, 2016 · 7 commenti

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

IL CLUB DEL SAPERE FILOSOFICO

«La filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.» (Antonio Tabucchi)

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte