Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Natale # 16: Luigi Pirandello, Un Goj

Lo spunto per iniziare a scrivere Muffa – un racconto di Natale (apparso su Spazinclusi Rivista – per chi volesse può leggerlo da QUI) – mi è venuto qualche tempo fa, subito dopo aver finito di leggere il racconto di Luigi Pirandello, Un Goj, che in questo contesto significa qualcosa come non-ebreo o “straniero”.

Senza osare andare oltre nelle corrispondenze, l’idea di base era quella di tratteggiare la figura di uno straniero-in-casa, dello straniero nella propria famiglia, dello straniero che, straniato fino al delirio, deve infine fuggire di casa. Ma quale è il momento migliore, il più denso di significato per fare tutto ciò? Beh, la notte di Natale. La notte di Natale è sempre il momento giusto per una resa dei conti, con gli altri, certo, ma innanzitutto con se stessi.

Ma meglio procedere con ordine.

Il signor Daniele Catellani…ha un brutto vizio: ride nella gola in un certo modo così irritante, che a molti, tante volte, viene la tentazione di tirargli uno schiaffo…

Il nostro protagonista è un uomo, un ebreo italiano che, dotato di buona volontà, non vuole assolutamente entrare in conflitto col mondo circostante e che per questo ha prima pensato bene di cambiare il suo vero cognome – Levi – per prenderne un altro a suo avviso più accettabile, meno urtante: Catellani; e, in seconda battuta, s’era imparentato con una famiglia ultra-cattolica tirannicamente sorvegliata – relativamente alla fede – dall’intransigente suocero, Pietro Ambrini, nipote di un altrettanto intransigente cardinale.

Il brutto vizio, noi diremmo, il sintomo, nasce col matrimonio in cui il signor Catellani è andato a ficcarsi, perché, è cosa nota, la gran parte degli affanni che ci toccano in sorte sono frutto delle nostre stesse azioni e fissazioni. Già, perché Daniele Catellani, insieme all’adorata moglie, s’era tirato nel matrimonio il terribile suocero, che non lo aveva mai visto di buon occhio e accettato e che aveva fissato regole rigidissime: i nipoti dovevano tutti essere battezzati e allevati secondo il credo cattolico e l’uomo stesso, il buon Daniele, era incessantemente sotto la lente del suocero, disgustato dal suo “foetor judaicus”.

C’è poco da dire: il suocero lo perseguita. Sarà ridicola, ridicolissima, ma una vera e propria persecuzione religiosa, in casa sua, esiste…una vera e propria guerra religiosa quel benedett’uomo del suocero gliela viene a rinnovare in casa ogni giorno, a tutti i costi, e con animo inflessibilmente e acerrimamente nemico.

Ma si sa, anche chi è animato da buone intenzioni, “batti oggi e batti domani”, alla fine inevitabilmente maturerà in sé una certa volontà di genuina e comprensibile vendetta, che ne sia o meno conscio. E così accade anche a Daniele Catellani che, a vedersi trattare a quel modo persino di fronte ai figli pieni d’angoscia di fronte al tirannico nonno e di dubbi nei confronti del debole padre, sente montare una gran voglia di “urlare chissà quali imprecazioni” che però preferisce mandar giù per limitarsi a “buttare indietro la testa riccioluta e nasuta e prorompere in quella sua solita risata nella gola”. Ma quanto a lungo potrà limitarsi a quella risata-sintomo-aggressione che tanto fastidio dà a quelli che si stanno intorno?

Ma c’è una cosa che non ho ancora detto – la storia è ambientata nell’ultimo anno della Prima guerra mondiale e Daniele Catellani, suo malgrado, nella sua vita sta accettando tutto, ma proprio tutto, persino la guerra cui l’Italia, il suo paese, ha preso parte. Approva tutto e per tutto approvare ha però rinunciato e voltato le spalle alla religione dei padri.

Un ultimo dettaglio, prima di fermarmi, lasciando al lettore avido il compito di andarsi a cercare questa novella – facilmente reperibile e veloce da leggere – per vedere come va a finire tutta la faccenda…così attuale, direi, dato il contesto internazionale in cui questo Natale si inserisce…

Poiché bisogna sapere che, nonostante la gran carneficina, con una magnifica faccia tosta il signor Pietro Ambrini, quest’anno, aveva pensato di festeggiare, per i cari nipotini, la ricorrenza del Santo Natale più pomposamente che mai…

Basti qui dire che il buon Daniele Catellani, alla fine, straniero com’è, lascerà libero il “demonio, che gli s’è domiciliato per tanti anni nella gola”, combinando un bello scherzo al tirannico suocero.

Straniero in casa…si diceva. C’è chi non riesce, chi non può permettersi o permettere agli altri di vivere il Natale, anche a dispetto dei migliori propositi. Ne ho raccontati diversi di Natali impossibili o salvati all’ultimo momento (sono tutti qui) – ma il post di quest’anno è dedicato al Natale impossibile per coloro che hanno troppo a lungo tradito se stessi. Forse è per quelli che devono tradire il Natale di chi sta loro intorno, perché è l’unico modo per riconoscersi stranieri in casa, in famiglia, e finalmente uscire…mollare tutti la Vigilia di Natale, riconoscendo, in fondo, che è impossibile onorare lo spirito del Natale se, innanzitutto, si è stranieri a se stessi…

2 commenti su “Natale # 16: Luigi Pirandello, Un Goj

  1. Ivana Daccò
    dicembre 25, 2022

    Non conosco questo racconto, ma me lo procurerò, è certo.
    Per quanto mi riguarda: Buon Anno, a te e a tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 24, 2022 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

La Grande Estinzione

Per un romanzo diffuso dell'Antropocene

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

IL CLUB DEL SAPERE FILOSOFICO

«La filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.» (Antonio Tabucchi)

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

ΟYΤΩΣ AΤΑΛΑIΠΩΡΟΣ ΤΟIΣ ΠΟΛΛΟIΣ H ΖHΤΗΣΙΣ ΤHΣ AΛΗΘΕIΑΣ, ΚΑI EΠI ΤA EΤΟIΜΑ ΜAΛΛΟΝ ΤΡEΠΟΝΤΑΙ. «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità e molti si volgono volentieri verso ciò che è più a portata di mano». (Thuc. I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: