Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Pausa d’estate. Che insetto sei? Cicala o formica?

La Cicala che imprudente

tutta estate al sol cantò,

provveduta di niente

nell’inverno si trovò,

senza più un granello e senza

una mosca in la credenza.

Affamata e piagnolosa

va a cercar della Formica

e le chiede qualche cosa,

qualche cosa in cortesia,

per poter fino alla prossima

primavera tirar via:

promettendo per l’agosto,

in coscienza d’animale,

interessi e capitale.

La Formica che ha il difetto

di prestar malvolentieri,

le dimanda chiaro e netto

– Che hai tu fatto fino a ieri?

– Cara amica, a dire il giusto

non ho fatto che cantare

tutto il tempo. – Brava, ho gusto;

balla adesso, se ti pare.

Versione di Jean de La Fontaine, La cicala e la formica, in Favole

Qualche giorno fa passeggiavo in uno dei tanti parchi di Roma, attento al tempo che scorreva veloce e pareva non passare mai. Le cicale frinivano e ai miei piedi le formiche operose furiosamente cercavano di trascinare un insetto nel loro formicaio. Un colpo di vento aveva fatto fremere le foglie degli alberi, intorno a me. Attratto da un tronco particolarmente possente mi sono avvicinato per osservarne da vicino i molteplici solchi nella corteccia. Mi sono ritrovato davanti a innumerevoli mute di cicala. Erano inquietanti. Più su, le cicale continuavano il loro inesauribile cicaleggio, in basso le formiche continuavano nel loro lavoro, instancabili. Tornato a casa ho cercato fra i libri, trovando qualcosa – non tutto quello che avevo in mente. Va bene così.

Non ho mai amato, fin da bambino, la Formica di questa breve fiaba (che da Esopo, passando per Fedro, arriva a J. de La Fontaine – solo per citare i nomi più noti). E, lo ricordo bene, non mi piaceva il tono censorio con cui La cicala e la formica mi è sempre stata letta e raccontata. Era troppo smaccato il senso minaccioso della fiaba, il suo capito l’antifona?; il suo: da che parte starai tu, quando crescerai? Che fine farai, quella della Formica o della Cicala? Non so, forse, ero solo uno dei tanti bambini estremamente suggestionabili, ma (lontane dal ben più umano Gianni Rodari, che, ho scoperto di recente, rivoluziona la versione originale e dà la sveglia alla Formica, umanizzandola) nelle grandi pagine del mio libro illustrato c’era la Formica al riparo, nel calduccio della sua cassetta, con la dispensa piena, mentre la Cicala, al freddo, piegata dal vento, bussava alla sua casa, affamata e infreddolita, prima d’esser cacciata via, a mani vuote. La storia non va oltre, perché subito si affretta a consegnarci la morale: la Cicala sta dalla parte sbagliata della strada, la Formica dalla parte buona. Eppure il seguito è facilmente immaginabile e io, da bambino, lo vedevo benissimo: la Cicala muore di stenti, di fame, di freddo e solitudine.

Non mi piaceva la morale che ne tiravano fuori i grandi, a casa, a scuola, su quel libro illustrato. Anche se capivo solo in parte – una cosa era certa – e da tutti ben accetta: era una bene che Cicala facesse una brutta fine, mentre Formica era un buon modello da imitare, anche se era evidentemente senza umanità. Strideva con tutti gli altri messaggi che i grandi, gli adulti mi impartivano: condividere, donare, aiutare chi fosse in difficoltà. Qualcosa non quadrava. Non quadra.

Rileggendola oggi, quell’impressione rimane la stessa. Non mi piace Formica. Non mi piace per niente. Non mi piace il suo punto di vista, la sua ottica o visione del mondo. La cosa si fa più precisa – non bisogna aver pietà di chi sbaglia. Per la Formica non è ammissibile commettere errori. E la pena, a quanto pare, è (deve essere) sempre pena capitale.

Magari si sarà pure salvata, la Cicala. Ma ne dubito profondamente. Nelle fiabe, il mondo è diviso in buoni e cattivi – rare le sfumature. O Cicala o Formica. Punto. Si tratta di capire da che parte stare.

Per i grandi (anche per i grandi che avevano confezionato il libro illustrato) non c’era appello. Lo accetto: il lavoro e l’impegno – di cui Formica è portatrice – sono cosa buona; non ho obiezioni: il divertimento fine a se stesso e canzonatorio di cui Cicala è rappresentante non può che portare guai e fastidio:

La cicala vide la formica e criticò il lavoro della bestiola così: “Stolta formica, perché sprechi la tua vita nel lavoro? Io invece mi rilasso all’ombra, trascorro una vita lieta e senza preoccupazioni e porto allegria ai contadini” (Fedro)

E si può, a tratti, addirittura simpatizzare con la Formica che tiene duro, anche se già qualcosa di poco sereno, qualcosa di rabbioso emerge, in lei:

Ma la formica diligente disprezzò la pigrizia della cicala, non badò alla sua insolenza ma insistette nel suo lavoro (Fedro)

Ma da questo si deve necessariamente arrivare ad una fine senza scampo per Cicala (perché ne ero e ne sono certo: Cicala muore), e a Formica che si erge a giudice spietato, disumano? Non si discute l’atteggiamento di Cicala. È chiaro che il suo modo di prendere la vita non è accettabile e che la sua spensieratezza – che alletta e genera simpatia – alla fine ha in serbo brutte sorprese. Però la sua fine, anzi l’ineluttabilità della sua fine sembra eccessiva.

A rileggerla adesso, mi chiedo, non può esser trovata una via alternativa? Adesso, nell’estate della vita, si può aver presente l’inverno che necessariamente arriverà, senza correre il rischio di dimenticare il presente e indurire il cuore? Come può esser superata la visione violenta (ossia unilaterale) del tempo, delle cose, del lavoro, della felicità, del piacere e del dovere di cui Cicala e Formica sono portatrici?

A rileggerla adesso la Formica non pare tanto diversa dalla Cicala. Entrambe attaccate alle cose, anche se da due diverse prospettive – la Formica tutta impegnata nell’accumulare in vista del futuro – già, perché nel lavoro di Formica c’è lo spettro dell’avarizia, dell’arrivismo, lei “che ha il difetto di prestar malvolentieri” (Fontaine), ha lavorato per sé e per sé sola, nella modalità del tutti contro tutti, accaparrando il più possibile; mentre Cicala manifesta il medesimo, speculare attaccamento: ha goduto, consumato, bruciato tanto le cose, quanto il senso del tempo, persa com’era nel deserto di un presente senza prospettive e profondità, forse perché ritenuto eterno.

Due forme di materialismo, di segno opposto – quello di chi accumula credendo di salvare se stesso godendo dell’errore e del fallimento altrui; quello di chi deride gli sgobboni ritrovandosi poi in pericolo, imbrigliato nelle conseguenze delle proprie azioni. Non mi piace l’estate della Formica, così come non mi piace quella di Cicala. E non mi piace il loro inverno, gonfio di rabbiosa (e illusoria) rivincita (ride bene chi ride ultimo) e persa in una sofferenza senza conforto.

Mi domando come stia procedendo questa estate. Lo chiesto a me, ma nella forma del Tu. E tu, come passerai, come stai passando l’estate? Stai lavorando freneticamente per mettere – per quanto è nelle tue forze – al sicuro il tuo inverno? Sei la Cicala? O sei la Formica? Sei schiacciato su di un presente acefalo fatto di piaceri immediati? O stai, magari rabbiosamente e pieno di livore, lavorando per il futuro, guardando storto chi ti sta attorno ed è diverso da te? Sei piegato su di una visione muscolare (in fondo impaurita) della vita, rabbiosa, forse inaridendo il tuo presente? Pensi solo al futuro, a quando le cose potrebbero mettersi male, dimenticando il presente? O come la Cicala credi di nuotare felice nelle sabbie mobili di un presente spensierato, senza curarti del futuro?

Sei pronto a lasciar morire la Cicala che non sei stato? Il tuo lavoro, in questa estate, nell’estate della tua vita, è furioso? O è un lavoro gentile e fruttuoso? Il tuo sguardo parla le parole della Formica di La Fontaine?

– Che hai tu fatto fino a ieri?

– Cara amica, a dire il giusto

non ho fatto che cantare

tutto il tempo. – Brava, ho gusto;

balla adesso, se ti pare.

In contro-luce, nelle tue azioni, si possono già intravedere il brusco risveglio e l’umiliante preghiera della Cicala?

La cicala […] a causa della sua negligenza non ha cibo ed vive nella miseria. Implora dunque la formica: “Per favore, dammi poche briciole, perché sono affamata” (Fedro)

Ti stai preparando all’inverno senza disprezzare la Cicala indolente che vive accanto a te? Ti stai preparando all’inverno senza deridere la Formica che si illude di poter mettere al sicuro la propria vita? E se sì, come? In altre parole, è una gioiosa estate, questa? E se non sei Cicala, né Formica, allora, che insetto sei?

5 commenti su “Pausa d’estate. Che insetto sei? Cicala o formica?

  1. Ivana Daccò
    luglio 30, 2021

    Bello!
    E sai bene il paradosso di una risposta. La domanda, è da tener aperta. Mai da chiudere.

  2. marisasalabelle
    agosto 14, 2021

    Eh bien, dansez maintenant! Antipatica, la formica…

  3. Fairy Queen
    agosto 18, 2021

    Io sono una falena. Non sono una farfalla che tutti vedo arrivare e posarsi sul fiore. Io arrivo di sera, sulle lampadine accese, entro a casa, mi poso sul muro, mi guardo in giro e rimango lí. L’indomani svanisco. Non si sa dove. A volte qualcuno mi ha notata e si è avvicinato alle mie ali dai colori fantasma. Altre volte mi han lasciata lì sul muro a far tappezzeria.

    • tommasoaramaico
      agosto 19, 2021

      Non è male far da tappezzeria. Esserci nella modalità del non esserci. Grazie per il commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il luglio 29, 2021 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

IL CLUB DEL SAPERE FILOSOFICO

«La filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.» (Antonio Tabucchi)

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: