Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Specchio della tua irritazione

Non la sopporti, e lo sai fin troppo bene. A prenderla così, fuori contesto, non v’è nulla che la renda così irritante. Avrà sui trentacinque anni. Non è particolarmente bella, ma neppure brutta. E in ogni caso questo aspetto a te non interessa. Veste in modo comune, proprio come tutti gli altri. Predilige jeans e scarpe da ginnastica e in inverno, quando fa freddo, copre la fronte e le orecchie con voluminosi cappelli di lana. Alcuni hanno persino il pon pon. Ha la pelle molto chiara e in estate, se prende troppo sole, diventa rosso fuoco. Deve fare attenzione. Molte persone dovrebbero fare attenzione e così anche in questo, come per altre cose, non ha proprio nulla di particolare. Cammina piuttosto lentamente, non parla da sola, non borbotta e non annuisce, forse ha l’aria guardinga. L’aria di chi scruta, con la coda dell’occhio, tutto quello che le accade intorno. Deve, chissà, sentirsi spesso in pericolo, anche se in modo sottile, quasi impalpabile. Non deve essere paura, ma una sorta di inquietudine, o disagio. In ogni caso, non sembra una persona che debba andare da qualche parte in particolare. Non ha zaino o borsa da lavoro. Raramente una busta, dopo che ha acquistato qualcosa. Il suo essere nel mondo, almeno per come la vedi tu, pare privo di una vera e propria direzionalità. Semplicemente, esce di casa e inizia a camminare, mescolandosi nel mondo e perdendosi nella folla indaffarata.

Perché, dunque, sei così infastidito quando la scorgi per strada? Perché il suo stesso essere nel mondo e il semplice fatto di incontrarla per le strade del quartiere in cui vivi, ti appare sempre più insopportabile? Perché non tolleri la sua libertà? Sempre che lo sia, libera. Del resto pure tu cammini fra le persone e le cose. E sei sempre lì, pronto, guardingo, cercando, per quanto ti è possibile, di riconoscerla nel raggio di due o trecento menti. Quante energie spendi, per una cosa del genere. E se per caso, e capita, te la trovi improvvisamente davanti, allora ti metti in scia e poi, veloce fino al fiatone, la superi sul marciapiedi. E ti trattieni, mentre la superi, dal voltarti e incontrare i suoi occhi. Sai, e nel saperlo ti brucia lo stomaco, sai che anche lei finge di non vederti. Di non vedere te.

Se la vedi per tempo, invece, attraversi la strada perché puoi permettertelo, oppure fingi di guardare una vetrina, gli occhi fissi su scarpe che non compreresti mai perché non hai particolari esigenze di abbigliamento; ti ostini a decifrare oscuri annunci immobiliari per case che non ti interessano, dato che quella in cui già vivi è fin troppo grande; metti a fuoco cartellini penzolanti da gioielli che non sapresti a chi regalare.

O è il tarlo del dubbio a farti comportare a questo modo? Ti disturba incontrarla ogni giorno, sempre sulle stesse strade e a qualsiasi ora, vero? Ti disturba perché anche tu ad ogni ora, ogni giorno e in ogni stagione sei lì a calcare quelle stesse strade; perché anche tu solo e guardingo ti aggiri, disperato e senza vera meta. Per questo e per nessun altro motivo la detesti fino a tal punto. Tu che non ami guardarti allo specchio per vedere come in realtà sei, non tolleri lei, di cui non sai nulla e che pure è il tuo specchio vivente, che ti segue e ti sfinisce. Chissà se anche lei prova la stessa rabbia nei tuoi confronti, chissà se anche lei, come te, stringe i pugni in tasca e digrigna i denti, ogni volta che ti scorge. Probabile.

Rompi lo specchio, urtala lievemente e poi chiedile scusa. Falla parlare. Dietro il fantasma, il tuo fantasma, si nasconde qualcuno. È reale, così come lo sei tu, anche se da tempo lo hai dimenticato. È reale anche se l’hai ridotta ad un’idea nella tua testa, così come tu, stanne certo, sei un’idea nella sua, di testa. E se questa idea che tanto ti irrita non fosse su di lei, ma su te stesso? E se fosse così anche per lei? Quante cose vanno perdute in errori del genere. Una cosa è certa, però. È solo un incantesimo e come ogni incantesimo può esser spezzato.

Un commento su “Specchio della tua irritazione

  1. Pingback: Il re e i suoi tre figli | Tommaso Aramaico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 6, 2021 da con tag .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

Pacoinviaggio

viaggiare in tutti i sensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: