Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Ian Testa – Annuncio per ritrattista

Vivo in periferia, e questo mi rende simile a molti altri. Mi chiamo Ian Testa e sono un soggetto pronto a farsi oggetto. Immerso nel quotidiano, nell’inautentico direi, abito in una struttura a forma di parallelepipedo di dieci per quindici metri circa per due metri e settantacinque centimetri d’altezza. Vivo in uno scatolone poggiato a terra, lontanissimo dal cielo. Sulla facciata, che dà sulla strada, ci sono due ingressi, uno per entrare nel mio appartamento, l’altro che porta a quello del padrone di casa. Questo parallelepipedo si affaccia su una di quelle lunghe strade tanto caratteristiche delle sterminate periferie urbane, quelle che vengono chiamate arterie cittadine, solo che qui, negli ultimi anni, si è costruito molto e quindi la strada è trafficatissima di giorno, e pista adatta per tutti i corridori della notte.

Questo scatolone di cemento fa angolo con una stradina che si allunga verso terreni ormai da tempo abbandonati, buoni soltanto per nuove concessioni edilizie. Ma insomma, camera da letto e bagno danno direttamente sulla strada, la cucina e il salottino sulla stradina di cui ho già detto tutto. Da qualsiasi finestra mi affacci, fra il mio naso e la gente che cammina per i marciapiedi ci saranno si e no tre metri, a quattro, invece, le macchine che sfrecciano. Proprio sotto la finestrella del salottino ho sistemato uno sgabello e da lì posso, con un certo agio, guardare fuori e prendere un po’ di luce in una casa perlopiù buia. Credo di essere un buon soggetto. Ho barba corta e capelli medio lunghi, castani e mossi. Il taglio dei miei occhi ha un che di orientale. Non posso descrivere il mio sguardo, ma sono certo che un buon pittore non faticherà a cogliere quel non so che che mi porto dentro e che spesso mi fa bruciare lo stomaco.

Credo che il mio volto entro il contesto della facciata in cortina possa essere una bella occasione anche per un pittore che abbia bisogno di esercitarsi. Ho tutto il tempo possibile e immaginabile e sono abituato ad essere oggetto di continui sguardi indagatori. Forse qualcuno mi ha addirittura fotografato col cellulare.

Fra le altre caratteristiche dell’orizzonte entro cui la mia figura si staglia ci sono: il solito distributore di benzina, un supermercato e diversi cartelloni pubblicitari. Niente insegne luminose. In compenso posso offrire un fornitore di allarmi e antifurti, un gommista e il solito bar. Niente vetrate.

Credo che possa essere fonte di ispirazione, questo posto. Certo, non accade nulla di eclatante, semplicemente quello che, giorno dopo giorno, sta davanti agli occhi di tutti. Macchine parcheggiate in doppia fila, gente che si accanisce sul clacson, ingorghi, qualche temerario in bicicletta, donne con la busta della spesa, giovani mamme che spingono passeggini e vecchi, quelli sì, a tutte le ore, dall’alba al tramonto. Ogni mezz’ora passa l’autobus e alla fermata che sta ad una ventina di metri dalla mia finestra, scendono e salgono persone a tutte le ore, sempre in gran numero. Studenti, lavoratori, nullafacenti, tanti immigrati che tornano da lavoro e abitano in zona. Di molte persone, a parte il nome, conosco gli orari e come si vestono. Posso intuire quando sono preoccupate, distratte, contente e cose del genere. Alle volte mi domando cosa loro pensino di me, vedendomi qui alla finestra, perché anche io, come loro, ho i miei orari e le mie abitudini, e fra queste una è di starmene qui sullo sgabello.

Perché lo faccio? Perché mi presto? I motivi sono vari. Ho molto tempo libero e poco da fare. Penso di poter essere d’aiuto per chi fosse in cerca di un soggetto su cui lavorare. Egoisticamente, devo ammetterlo, sono alla ricerca di una chiave, una prospettiva che mi permetta di capire dove sono e cosa sono diventato. Le ho provate tutte, ne ho provate tante. Non so più dove sbattere la testa. Nel pieno delle mie solite, silenziose lamentazioni, un ricordo mi ha colpito come una sassata alla nuca. Mi sono voltato guardandomi indietro, nel passato.

Molti anni fa, al liceo, c’era un mio compagno di classe che amava disegnare e soprattutto fare ritratti. Si era presto stufato di tutti i compagni e professori, ma non di me. Ogni santo giorno, per buona parte del terzo anno del liceo, invece di ascoltare le lezioni, era stato impegnato a ritrami. Non riesco a disegnare i tuoi occhi, ripeteva. Ed era vero. Benché abile, non era in grado di ritrarli. Aveva un piccolo schedario con tutti i ritratti della classe, tranne il mio. Forse era troppo giovane e gli mancava la capacità o la profondità per vedere, per intuire come già allora, dietro quel sorridente, eclettico e a tratti (almeno secondo gli altri) brillante giovane, vi fosse qualcosa che in fondo non andava. Mi piaceva l’idea che non riuscisse a ritrarmi. Mi era dispiaciuto, però, vedere che a un certo punto avesse lasciato perdere la sua piccola impresa. Ero rimasto senza il mio ritratto. Beh, se adesso ci fosse un pittore interessato, esperto o meno, mi troverebbe qui quasi ogni pomeriggio. Vorrei essere risarcito. Ma dovrebbe fare attenzione. Io sarei interessato a lui.

6 commenti su “Ian Testa – Annuncio per ritrattista

  1. guidosperandio
    gennaio 16, 2021

    Vedo di darti una mano e fare girare la voce.

    • guidosperandio
      gennaio 16, 2021

      Trovassi, non te lo assicuro però, il ritrattista e mi chiedesse gli devo dire che il ritratto lo vuoi con o senza mascherina?

      • tommasoaramaico
        gennaio 16, 2021

        Più che con mascherina, direi con busta della spesa in testa…

      • guidosperandio
        gennaio 16, 2021

        Ok, se è così interpello Magritte. Ti può andar bene?

      • tommasoaramaico
        gennaio 16, 2021

        Sapevo che avresti trovato non una soluzione, ma LA soluzione. È sempre spiazzante e divertente leggere i tuoi commenti

  2. guidosperandio
    gennaio 16, 2021

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 16, 2021 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

Pacoinviaggio

viaggiare in tutti i sensi

VACUITA' (DE)CRESCENTE

Un uscio, una cosa d'ognuno cose.

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: