Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

È tutto surreale…o reale?

Continua a ripeterlo, pensa Ian Testa, mentre si lava la faccia. La moglie gli sta accanto, davanti allo specchio. Ti sta preparando perché fra dieci minuti deve piazzarsi di fronte allo schermo del portatile, per lavorare, È surreale, tutto questo, ripete ancora. Ian non risponde. Anche lui, di lì a mezz’ora, dovrà sedersi davanti allo schermo del computer.

La gente si ammala, e muore. Lo ripetono ogni giorno, fino allo sfinimento. È surreale, o reale? Mortali, mortali, mortali. Fino a poche settimane fa sapevano della loro mortalità solo quelli che si apprestavano a morire e, di rimbalzo, quelli che a questi stavano accanto. Gli altri pensavano, Ian Testa pensava, che si fosse tutti esseri viventi. No, si è innanzitutto mortali, e lo si è per il fatto stesso di nascere. Sono riusciti a convincerci del contrario. Il termine uomo non può essere sostituito con vivente, bensì solo con mortale.

Per questo non ci vogliamo ammalare, per paura di morire – Ian l’aveva letto, il rovescio della medaglia. Ci si ammala perché siamo mortali e non il contrario: si è mortali perché ci si ammala. Lo sapeva solo astrattamente, adesso no. Questo è il reale.

È forse surreale non vivere serenamente in questo mondo? È reale, ed è giusto non tollerare più molte delle cose che ci circondano, e accamparsi fuori in balcone.

Non ha voglia di accorciare la barba, Ian. Mentre si specchia, nel bagliore dei occhi coglie il riflesso di un sogno. L’ennesimo sogno, diverso da tutti gli altri. Lo stesso sogno di ogni notte. Un lunghissimo corridoio, come sempre, e poi lucchetti e maniglie – questo c’era di nuovo: un lunghissimo corridoio tutto finestroni lasciati spalancati e maniglie per chiudere e lucchetti per serrare. Tutto in penombra – possibile? Finestre aperte che non filtrano luce. Lunghissimo corridoio. Si era svegliato, nel pieno della notte. Devo scriverlo, si era detto, senza però muovere un dito. Adesso ricorda poco o nulla. Chi non doveva fare entrare? O cosa? Non lo ricorda…altro che surreale, era reale il sogno. Irreale la sua immagine riflessa nello specchio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 8, 2020 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

IDIOTWIND

Un posto dove trovare per lo più riflessioni su musica e film. Con meno spocchia possibile

Bocconcini di carta

"Un libro sogna. Il libro è l'unico oggetto inanimato che possa avere sogni." - Ennio Flaiano

CARTESENSIBILI

Quando il sole della cultura è basso i nani hanno l’aspetto dei giganti- Karl Kraus

L'armadio di Kirillov

Libri e mediocrità

1957

periferie

Hashtag Filosofia

La filosofia non risolve i problemi, li dissolve

Emma Saponaro

"Cancella spesso, se vuoi scrivere cose che siano degne d'essere lette." (Orazio)

Voce del Verbo

la rivista letteraria intima come un quaderno

clean

un oggetto contemporaneo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: