Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

18: 51 – Povero Ian Testa

Ipnotizzato dallo schermo della televisione, gli occhi fissi sul nastro tutto lettere e cifre e numeri e percentuali.

Quanti giorni sono che tiene gli occhi puntati su tutti quei numeri?

Non lo sa. Cioè, lo sa benissimo, solo che il tempo del calendario e dell’orologio alla parete non misura il tempo azzoppato che arranca in lui.

I bambini urlano. Animali in gabbia. Loro sorridono e urlano e fanno tremare il palazzo. Che tremi, pensa Ian.

Oltre la porta finestra accostata irrompono suoni confusi. Tutti offrono la loro musica, esplodono inni, applausi. I bambini ballano. La musica esplode dalle case tutte intorno, nel quartiere popolare in cui Ian vive. La musica e i canti stonati attraversano le strade deserte, l’aria fresca, mentre il sole lento scende, andando a nascondersi oltre l’orizzonte fatto di tetti ed antenne.

Povero Ian, che con la sua testa non sa più dire. Povero Ian, lo stesso Ian che ha sempre la bocca piena di chiacchiere, la testa piena di pensieri. Povero Ian, che sente la gente salutarsi dalle finestre, che alza la voce e ride. Povero Ian, con le sue categorie che sembrano d’un tratto inutili. Povero Ian, che vorrebbe tanto attraversare le file dei banchi e tornare a guardare negli occhi i suoi ragazzi. E ripensa alle sue categorie. Spazzate via dall’invisibile.

Povero Ian, mentre la moglie si affaccia alla porta del suo studio e da lontano lo guarda.

Povero Ian, mentre il figlio più grande gli chiede quando potranno andare a pesca.

Povero Ian, mentre il figlio più piccolo gli chiede di portarlo al parco.

Povero Ian, mentre guarda i fogli e i libri e gli appunti che ricoprono la sua scrivania, senza trovare una sola idea passabile.

La vecchia che sta nel palazzo di fronte al suo esce fuori, nel terrazzino curato. Batte le mani guardando da tutte le parte, divorando suoni e voci e rumori e sagome dalle finestre e balconi.

Eccola, nella sua saggezza la può vedere…è la vita che esplode tutta intorno. 

3 commenti su “18: 51 – Povero Ian Testa

  1. Ivana Daccò
    marzo 17, 2020

    Mi piace.
    Ma non sono riuiscita ad avre efemera. Non è arrivato. Immagino di averlo perso?

    • tommasoaramaico
      marzo 17, 2020

      Grazie Ivana. Per quanto concerne la rivista, il cartaceo è su Amazon, altrimenti sul sito della rivista è scaricabile gratuitamente il pdf o il file per kindle

      • Ivana Daccò
        marzo 17, 2020

        Infatti. Io l’ho ordinato su Amazon, ma non ho avuto riscontro mail e non è arrivato.
        Proverò a scaricare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 14, 2020 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

Le cose minime

Prendo le cose gravi alla leggera, e le cose piccole molto sul serio.

VACUITA' (DE)CRESCENTE

nasce come uscio schiuso e accessibile, ingresso e principio di opinioni e idee che, spesso, la penna poggia e intinge su fogli di carta - o incudini di ferro.

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

SfogliaLibri

libri da leggere, recensioni, opinioni, giornalismo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: