Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Alfred Jerry – Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico

Scrittore e poeta francese, morto giovanissimo nel 1907 a soli trentaquattro anni, Alfred Jarry è fra i primi scrittori del Novecento a consegnarci opere tutte incentrate sull’assurdità dell’esistenza, sulla sua irrazionalità e disponibilità ad essere ricostruita sempre e nuovamente secondo percorsi di senso sempre nuovi, forse irragionevoli, certamente sorprendenti. Noto per la sua opera teatrale Ubu re (su cui tornerò il prima possibile), grande fortuna ha avuto anche il postumo Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico – una sorta di viaggio allucinato attraverso isole di senso e piene di incontri con personaggi più o meno improbabili su scenari assurdi, esotici, grotteschi, a tratti infernali.

La pagina di Alfred Jarry è un dire per cui non esiste un detto. Un dire che non si può ri-dire, a meno che non si voglia far ridere nel perseguire l’arduo, se non vano tentativo di presentarlo con altre parole. Si rischia molto ogni volta che si cerca di rappresentare qualcosa che, in fondo, non può che esser letto. Siccome è del tutto inutile cercar di dire qualcosa di questa scrittura per cui non vi è presentazione possibile, questo post sarà, molto più umilmente ed onestamente, un semplice copia-incolla. Presentabile solo in modo molto parziale, ne offro una pagina alla lettura – per chi ne avesse voglia. Sono pagine a cui non si può arrivare per mezzo di altre parole – figurarsi le mie poi. So, per scambio di opinione con certi amici-di-lettura, che quest’opera a qualcuno dà il voltastomaco e che non viene reputa letteratura in senso proprio, ma solo lo scherzo di un uomo non proprio centrato su se stesso. Ma questa è già un’altra storia. Magari ci ritornerò, ma, per adesso, uno stralcio da Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico. Giusto una precisazione, sempre per mezzo delle parole di Alfred Jerry: la patafisica è “Scienza di ciò che si aggiunge alla metafisica…Studierà le leggi che reggono le eccezioni e spiegherà l’universo supplementare a questo. La patafisica è la scienza delle soluzioni immaginarie”. Sostenitore dell’accidente, del contingente, di ciò che non può essere assorbito nel generale e di quanto si rifiuta di esser integrato nel sistema, faccio seguire la presentazione – a mio avviso epocale, del dottor Faustroll…

Il dottor Faustroll nacque in Circassia, nel 1898 (il XX secolo aveva [- 2] anni), e all’età di sessantatré anni. A quell’età, che conservò per tutta la vita, il dottor Faustroll era una persona di statura media, cioè, per essere esattamente veridico, di (8 x 10¹º + 10⁹ + 4 x 10⁸ + 5 x 10⁶) diametri di atomi; di pelle giallo-oro, con il viso glabro, salvo un baffi verde mare, uguali a quelli che portava il re Saleh; i capelli alternativamente, pelo per pelo, biondo cenere e molto nero, ambiguità biondo-rame cangiante con l’ora del sole; gli occhi, due capsule di semplice inchiostro per scrivere, preparato come l’acquavite di Danzica, con dentro spermatozoi d’oro.

Era imberbe, salvo i baffi, per l’impegno beninteso di microbi della calvizie, che gli saturavano la pelle dall’inguine alle palpebre, e gli rodevano ogni bulbo, senza che Faustroll dovesse temere la caduta della capigliatura né delle ciglia perché essi intaccavano soltanto i capelli giovani. Dall’inguine ai piedi, per contrasto, si inguainava in un satiresco pelame nero, perché era uomo più di quanto sia decente.

Quel mattino, prese il suo sponge-bath quotidiano, che fu di una carta da parati dipinta in due toni da Maurice Denis, treni rampanti lungo spirali; da molto tempo aveva sostituito all’acqua una tappezzeria di stagione, alla moda o a suo capriccio.

Per non stupire il popolo, indossò, sopra questa tappezzeria, una camicia di tela di quarzo, pantaloni larghi, stretti alla caviglia, di velluto nero opaco; stivaletti minuscoli e grigi, su cui era conservata la polvere, non senza grande spesa, in strato uniforme, da mesi, salvo i geyser secchi dei formicaleone; un panciotto di seta giallo oro, dell’esatto colore della sua carnagione, con un numero di bottoni non superiore a quelli di una maglia e con due rubini che chiudevano due piccole tasche, molto in alto; e un grande cappotto foderato di volpe azzurra.

Infilò sull’indice destro anelli, smeraldi e topazi, fino all’unghia, la sola delle dieci che non rosicchiasse, e fermò la fila d’anelli con una coppiglia perfezionata, in molibdeno, avvitata all’osso della falangetta, attraverso l’unghia.

A guisa di cravatta, si mise al collo un gran cordone della Grande-Gidouille, ordine da lui inventato e brevettato, perché non venisse svilito. Si appese mediante questo cordone a una forca disposta a tale scopo, esitando alcuni quarti d’ora tra le due truccature soffocatorie dette impiccato bianco e impiccato blu.

E, dopo essersi sganciato, si mise un casco coloniale.

2 commenti su “Alfred Jerry – Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico

  1. Ivana Daccò
    dicembre 14, 2019

    Complimenti! Hai trovato una via d’accesso per comunicare su questo libro. Conto su una prosecuzione.
    Tra parentesi, non so se quella di Jarry sia “letteratura”. Sicuramente, mi manca una concettualizzazione di “letteratura”, dotata di confini che consentano un giudizio dentro/fuori, condivisibile e condiviso.
    C’è poi quella “terra di nessuno”, segnata dai buchi delle granate, delimitata dalle croci di S. Andrea, che interpella, e invita ad attraversare.
    Talvolta si sentono crepitare le armi. Qualcuno sta provando ad attraversare. Chissà se sarà giunto di là. O tornato di qua. O non, semplicemente, andato altrove, sbeffeggiano i fronti contrpposti.

    • tommasoaramaico
      dicembre 14, 2019

      Mi piace questa metafora della guerra per il dentro/fuori. Jarry può essere decisamente respingente, specialmente in Gesta e opinioni… È per questo motivo che voglio ritornare su questo scrittore, ma attraverso il suo teatro – decisamente più fruibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 14, 2019 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

ilfucorivista.wordpress.com/

Rivista culturale gratuita e indipendente a cadenza trimestrale.

Pragma Sofia, l'esercizio della filosofia.

« Est modus in rebus sunt certi denique fines, Quos ultra citraque nequit consistere rectum - v'è una misura nelle cose; vi sono determinati confini, al di là e al di qua dei quali non può esservi il giusto».» Orazio (Satire I, 1, vv. 106-107)

Sonnenbarke

Ma dove troverò mai il tempo per non leggere tante cose? (Karl Kraus)

IDIOTWIND

Un posto dove trovare per lo più riflessioni su musica e film. Con meno spocchia possibile

Bocconcini di carta

"Un libro sogna. Il libro è l'unico oggetto inanimato che possa avere sogni." - Ennio Flaiano

CARTESENSIBILI

TUTTI PENSANO A CAMBIARE IL MONDO MA NESSUNO PENSA DI CAMBIARE SE STESSO- L.Tolstoj

L'armadio di Kirillov

Libri e mediocrità

Blog1957

Blog1957

Hashtag Filosofia

La filosofia non risolve i problemi, li dissolve

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: