Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Nove citazioni per nove incipit – Rovesci #2

Seconda e ultima parte di una serie di post dedicati a Rovesci. Non dirò di più perché nel precedente (qui) ho già spiegato il poco che c’era da spiegare. Buona lettura.

TRASCEN-DANCE

La fantasia è da intendersi tanto in senso causale quanto in senso finalistico. A una spiegazione causale essa appare come sintomo di uno stato fisiologico o personale che è il risultato di avvenimenti precedenti. Alla spiegazione finalistica, invece, la fantasia appare come un simbolo che tenta, con l’ausilio dei materiali già esistenti, di caratterizzare o di individuare un determinato obiettivo o piuttosto una determinata futura linea di sviluppo psicologico.

C. G. Jung, Tipi psicologici

Perché in Trascen-dance si tratta, in fondo, di un malessere che spesso appare gratuito, senza causa né vero scopo. Di un malessere che, però, cerca una ricomposizione di sé per mezzo di pensieri e comportamenti che possono sembrare, ad un primo sguardo, semplici bizzarrie, pensieri grotteschi – mentre, a dirla tutta, tali pensieri e bizzarrie sono spesso punto di incontro, nel presente, fra il passato e il suo peso, e il futuro, con la sua promessa di liberazione e, al tempo stesso, tutto il timore che genera.

WENDY

L’individuazione è un compito eroico o tragico, in ogni caso difficilissimo, perché implica un patire, una passione dell’io, cioè dell’uomo empirico comune, quale è stato finora, a cui accade di essere accolto in una più vasta sfera, e di spogliarsi di quell’ostinata autonomia che si crede libera. Egli patisce, per così dire, la violenza del Sé.

C. G. Jung, Saggio d’interpretazione psicologica del dogma della Trinità

Perché, in Wendy, in fondo, si cerca di maneggiare il fuoco dell’adolescenza sempre impossibile e del travaglio che comporta il suo superamento; lì dove le differenze sono amputazioni, le relazioni potenzialmente disumanizzanti. Tempo in cui si offre qualcosa di sé, gratuitamente; tempo in cui questo “qualcosa” viene spesso lasciato cadere, abbandonato nel mondo da chi credevamo nostro custode, perché è proprio della gioventù il perdere se stessa, per poi poter andare avanti.

UNA LUCE PURISSIMA

Stirpe miserabile ed effimera, figlio del caso e della pena, perché mi costringi a dirti ciò che per te è vantaggioso non sentire? Il meglio è per te assolutamente irraggiungibile: non esser nato, non essere, essere niente. Ma la cosa in secondo luogo migliore per te è – morire presto.

F. Nietzsche, La nascita della tragedia dallo spirito della musica

Perché, in fondo, in Una luce purissima si tratta del rischio, sempre incombente, di non resistere alla potenza del mondo, a quanto può infliggere. Perché il singolo può rinunciare, abbassare le mani, mollare la presa, abbandonando persino il tentativo di tentare una risposta.

CONTINUA A SCAVARE

Si intraprende un viaggio dopo l’altro, si cambia uno spettacolo dopo l’altro. Come dice Lucrezio: “In questo modo ciascuno fugge sempre se stesso”; ma che gli giova, se non riesce a sfuggirsi? Tiene dietro a se stesso ed incalza come pesantissimo compagno. Dobbiamo pertanto sapere che non è difetto dei luoghi quello per cui ci affliggiamo, ma nostro: siamo deboli a tollerare ogni cosa né sappiamo sopportare la fatica né il piacere né noi stessi né alcuna cosa abbastanza a lungo. Questo difetto spinse alcuni alla morte, poiché, cambiando spesso propositi, rotolavano indietro verso le medesime posizioni e non avevano lasciato posto alla novità: a noia cominciò a venire loro la vita e persino il mondo, e si insinuò quella domanda, che è propria di una marcia raffinatezza di vita: “Fino a quando le medesime cose?”

Seneca, Della tranquillità dell’animo

Perché in Continua a scavare si tratta, in fondo, di questo incessante lavorio di scavo e ricerca, della frenesia dell’uomo che rimbalza da una meta all’altra, pensando, di volta in volta, che più in là vi sia aria, luce, liberazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 31, 2019 da con tag , , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Voce del Verbo

altra rivista

clean

un oggetto contemporaneo

(b)ananartista® SBUFF

my personal museum of digital art, poetry, photography, paintings, video art, revelations and sexy parties

Squadernauti

scritture, letture, oltraggi

Tre racconti

Storie brevi e voci nuove

Federico di Vita

Quel che scrivo in giro

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

scriveresenzaparole

leggere oltre le storie

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: