Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Dialoghi #12

Lei lo sta aspettando, come ogni giorno. La serratura della porta di casa scatta. È lui. Non può essere nessuno dei suoi due figli. Loro sono giovani, pieni di forza, convinti di poter dominare il mondo, mentre la mano che ha appena girato la chiave nella serratura è quella di un uomo debole, ferito e impaurito. I suoi seni fremono, può fiutare nell’aria la paura del marito.

Non si volta. Non farlo è il modo migliore per fargli capire che sa della sua presenza. Non voltarsi le permette di dargli ad intendere di avere in mente qualcosa che lui non sa, né può sapere. Sa di poter aumentare il carico di dolore che grava sullo spirito già fiacco del marito. Ha ragione e per questo sorride. Vorrebbe essere impassibile, ma non ci riesce mentre gli dà le spalle e, al tempo stesso, attraverso la scena riflessa al vetro della porta finestra, si gode lo spettacolo del marito, immobile sotto l’arco rettangolare della porta del salone doppio arredato con un gusto sepolto nel passato – con un gusto che la disgusta. La borsa da lavoro stracolma di documenti, col suo peso, lo piega lievemente sulla sinistra. Rimane seduta sulla poltrona, dandogli le spalle. Ci era rimasta per tre lunghe ore, immobile, e non si sarebbe alzata certo adesso.

– Dove sono i ragazzi? interrompe il silenzio, lui.

Lei non lo sa. Non li aveva cercati e, a dire il vero, non aveva mai pensato a loro. Erano usciti la mattina presto e non si erano più visti. Inutile rispondere. Erano grandi. Per molto, troppo tempo si era occupata di loro. Adesso potevano godere della libertà che si erano guadagnati, così come lei stava annegando in quella che si era presa.

– Sono stanco.

– Avevo lasciato tutto, per te.

– Non un’altra volta, ti prego.

– Ho tradito mio padre, ho lasciato la mia casa, perso il lavoro, accudito i tuoi figli. Tutto per te.

– Non so di cosa parli, non so cosa sia accaduto. So solo che tu hai deciso di farmi del male.

Sorride, lei. Non lo guarda nemmeno.

– Ti avevo avvisato. Ho parlato tanto, negli anni, e adesso mi trovo a non aver più nulla da dire. Ho fatto quello che dovevo fare.

– Mi hai umiliato.

– Ho sacrificato ciò che avevo di più prezioso, pur di farti del male. L’unico mio errore è di aver aspettato tanto.

– Non avevo capito che tu potessi arrivare a tanto.

– È un tuo problema. Pensavi ad altro, tu. Mi hai lasciato fuori dai tuoi pensieri. Mi sono limitata a prendermi la libertà che mi avevi sbattuto in faccia.

– Come potrò mai più fidarmi di te?

– Non te lo chiedo. Hai paura, vero?

– Sì, di te.

– È giusto così. Ti servirà per il futuro.

– Sono passati mesi e…

– Cosa?

– …e non sono riuscito a fare un solo passo avanti.

– …

– Sento di non essere più un uomo, accanto a te. Mi torce le budella, questo pensiero. Ero convinto di esserlo, adesso so di non esserlo più o, peggio, di non esserlo mai stato. Mi hai degradato a meno che uomo.

– Così come io non ero più una donna, per te.

– Non ho fatto nulla di comparabile a quello che tu hai fatto a me. Mi vergogno per quello che è accaduto, per quello che mi è accaduto. Non c’è nulla di normale in quanto mi hai fatto.

– Stai zitto. Tu non sai di cosa parli. Tu non sai cosa sia veramente accaduto, lo capisco da quello che dici, da come parli. Tu non sai cosa sia veramente accaduto. Sei un uomo profondamente ignorante. 

– Questo non migliora le cose, anzi, rende tutto insopportabile.

– Dunque?

– Forse dovresti andare via di casa.

Si volta, lei. I suoi occhi brillano. Voleva questo? Si-no. Senza parlare si alza dalla poltrona e svanisce nella penombra del corridoio, lasciandolo solo e, forse, più, spaventato che mai.

Esiste toppa al mondo per porre rimedio a questo strappo? Lui non ne ha idea. Lei non desidera altro che riempirsi le orecchie con questa stessa lacerazione, rendendola infinita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il luglio 8, 2019 da con tag .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

(b)ananartista® SBUFF

my personal museum of digital art, poetry, photography, paintings, video art, revelations and sexy parties

Squadernauti

scritture, letture, oltraggi

Tre racconti

Storie brevi e voci nuove

Federico di Vita

Quel che scrivo in giro

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

scriveresenzaparole

leggere oltre le storie

VERDE RIVISTA

protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze

ALESSANDRO RAVEGGI

autore, editor e studioso

DILIBRIEALTRO

Il sito che parla di libri e fa parlare i libri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: