Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Tutti, in fondo, camminano verso Brema

Un uomo aveva un asino che lo aveva servito assiduamente per molti anni; ma ora le forze lo abbandonavano e di giorno in giorno diveniva sempre più incapace di lavorare. Allora il padrone pensò di toglierlo di mezzo, ma l’asino si accorse che non tirava buon vento, scappò e prese la via di Brema: là, pensava, avrebbe potuto fare parte della banda municipale.

Leggendo I musicanti di Brema, celebre fiaba dei fratelli Grimm, vien da pensare che un po’ tutti si sia, in qualche modo, in cammino verso Brema. La storia è nota. Un asino, un cane, un gatto e un gallo, avevano per anni servito fedelmente i rispettivi padroni che, ad un certo punto e per diversi motivi, decidono di affogarli, cucinarli, scannarli. Le bestie, fedeli ma non stupide, decidono di abbandonare le rispettive case per cercare un po’ di fortuna altrove. Nel loro errare, però, si incontrano, e si mettono insieme per andare a suonare nella banda della città di Brema. Ad un certo punto, non potendo raggiungere la meta prima del calar della notte, si ritrovano, col buio, nel bosco. Vedono una casa e vanno a vedere se possono trovarvi rifugio. E chi ci trovano? Dei briganti che mangiano e bevono. Ecco, allora, che irrompono nella casa e danno inizio al loro piccolo e rumorosissimo concerto fatto di ragli, abbaiamenti, chicchiricchì e miagolii sinistri. Convinti che fossero fantasmi, i briganti scapparono via, abbandonando la casa. Gli animali siedono a mangiare e solo quando si sentono sazi, spengono le luci e vanno a dormire. Quando poi, nella notte, un brigante entra in casa per controllare la situazione, i quattro amici si sollevano nuovamente, e giù morsi, graffi, calci e fragorosi chicchiricchì. Così il brigante fugge e, raccontata l’agghiacciante avventura nella casa a suo dire infestata di mostri e streghe, la banda decide di andarsene il più lontano possibile e non ritornare mai più. Le quattro bestie tornano a dormire e il mattino seguente, nuovamente seduti a tavoli, si rendono conto di non volersene più andare. Dimenticata Brema, cacciati i briganti, padroni di una nuova casa, non c’è più motivo per andar via.

Non è la vita, forse, fuga “da” ciò che nega la vita? E non è, forse, questa fuga, al tempo stesso, movimento “verso” qualcosa che rinforza il sentimento della vita? E non si è, forse, in questa fuga, alla ricerca di compagni di viaggio? Di persone con cui si condividere una meta? E non accade spesso, molto spesso, che nel bel mezzo del cammino, si rinunci per un attimo al perseguire la meta, per prendere una pausa, per tirare il fiato? E non succede anche che nel bel mezzo di una meritata pausa, possa accadere di trovare un conforto insperato? E non accade spesso che proprio quel qualcosa di insperato riveli di avere in sé quell’essenza che non si conosceva, di cui si era persa memoria e che aveva dato inizio al doloroso e avvincente viaggio?

È vero che si vuole andare a Brema? A suonare? O non si è, forse e senza saperlo o sperarlo più, alla ricerca di quella casa che persone da sempre amate minacciavano di negarci una volta e per tutte e che persone mai sognate prima riescono ad offrirci?

Ci sono diverse versioni de I musicanti di Brema, così come diversi finali. Fra i diversi adattamenti che mi sono trovato a collezionare, nel tempo, ce ne è uno che non mi stanco di leggere e ripetere a mente. Semplicemente non mi annoia. Ben si adatta al ritornello che non si stanca, questa fiaba, di proporre.

.e a chi questa storia non crede, ha gli occhi ma non vede…

2 commenti su “Tutti, in fondo, camminano verso Brema

  1. Ivana Daccò
    giugno 23, 2019

    Una grande fiaba. Chissà perché abbiamo bisogno di un bambino cui raccontarla.Chissà perché, tra adulti, la sera, non ci ritroviamo per narrarla, questa ed altre. Perché è una fiaba, e chiede la voce del narratore.
    E chiede poi di venir commentata. Nessuna difficotà a trascorrere le ore.

    • tommasoaramaico
      giugno 24, 2019

      Splendida. Non mi sazio di leggerla. Ne parlavamo tempo fa, credo, della serietà delle fiabe, del loro carattere duro, alle volte cruento. Da spaventare, ipnotizzare, esaltare adulti e bambini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 22, 2019 da con tag , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Filosofia e storia

Blog di aiuto per lo studio di queste due materie

Blogorilla Sapiens

Il blog di Gorilla Sapiens Edizioni

NEUTOPIA

Rivista Del Possibile

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

A piedi nudi nella Psiche

Blog di Psicologia e Psicoterapia a cura della dott.ssa Annalisa Scaffidi

crateri

il blog di eliana petrizzi

IL RIFUGIO DELL'IRCOCERVO

letterature, mondi e animali mitologici

Spore

Contaminazioni fantastiche

kobowritinglifeitaly.wordpress.com/

Pubblicare il proprio libro in piena libertà

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: