Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Rovesci – Arlecchino # 1

Di Rovesci ho già scritto in diverse occasioni (qui). Questa che propongo è una macedonia, uno spezzatino, un post arlecchino che non è altro se non un modo di parlarne in modo diverso. È il primo di una piccola serie in cui i racconti che ho scritto nel tempo verranno spezzettati e rimescolati. Questa volta è toccato a Rovesci, ma nel tempo – e con moderazione – ho intenzione di prendere, strappare, riciclare e far toppe con cose più lontane nel tempo, da Il posto di ciascuno, così come da Infinita perturbazione. Ma insomma, ecco…

Arlecchino # 1

1.1 Ogni mattino, alle prime luci del sole, mi alzavo più stanco di come al tramonto della sera precedente ero sprofondato nel letto duro. Spesso mia moglie mi svegliava cercando di liberarmi da sogni di cui non serbavo memoria alcuna, ma che mi strappavano potenti urla dal petto smagrito dal duro lavoro e da catene di pensieri che succhiavano ogni mia energia.

2.1 «Conosco una storia», dice. Lui, però, non vuole ascoltarla. Non per l’ennesima volta.

1.2 Era morto. Il mio orrore era l’orrore di mia madre, dei miei fratelli, di mia moglie, dei bambini.

2.2 Adesso il suo fiato gli riscalda il collo. La rabbia delle persone viene da lontano, si nutre della loro innocenza rispetto alla loro stessa condizione, ingrassa nello spiare continuo, nel sorprenderli nella loro ignoranza e per il fatto che non sempre paiono consapevoli di quello che hanno.

3.1 Insomma, sono le sei del mattino e lui indossa solo un paio di mutande dall’elastico fallato e una canottiera aderente da quattro soldi in poliestere e, davanti allo specchio, ha abbondantemente oltrepassato il limite della commozione. Il fatto è che è finalmente il frutto lucente, e al momento piagnucolante, di quasi quattro anni di sforzi sovrumani. Oh, santo dio, ci starebbe proprio tutto il giorno lì davanti allo specchio a rimirarsi, a bearsi di sé, ma non può. Ci starebbe per l’eternità, lì, fuori dal tempo e al riparo dall’eventualità di doversi incazzare nuovamente e di brutto.

2.3 L’orrore è qualcosa che fa deragliare le loro vite che da sempre correvano sicure su di un binario forgiato da chissà chi.

1.3 …era finito in una fossa il mattino dopo, all’alba. L’avevo scavata io, profonda e ben fatta, dopo che per l’intera giornata avevo lavorato per costruirgli una cassa.

3.2 È già stanco morto e ci sono ancora un mucchio di cose da fare. L’autobus arranca nel traffico, la gente spinge, cerca di prendere posizione. Molti urlano, in tanti non si sono lavati, qualcuno, probabilmente l’autista, sta fumando.

2.4 Era stato un inverno duro, durissimo, per loro che non avevano mai veramente conosciuto il negativo nelle loro vite.

3.3 Chiude gli occhi e si lascia andare al ritmo dell’autobus, già pregustando come quella sera renderà arida la bocca del padre, quando lo stronzo tornerà a casa e troverà tutto perfetto.

2.5 Cornici infrante, foto accartocciate e scagliate contro la grande vetrata che dà sul mare grigio, piombo fuso che ribolle nella sua grandezza, del tutto incurante delle urla di Clio che forse, così pensa in questo momento, è lì solo per poter impazzire in tutta tranquillità. Si spaventa alla vista delle proprie mani verdastre e tutte ossa, le dita lunghe che finiscono con unghie spezzate. La sua pazzia la fa quasi impazzire.

1.4 Io, che ero stato pieno d’odio; io, che fra i denti minacciavo che l’avrei ucciso come un cane; io, che avevo giurato di darlo in pasto alle belve feroci, quando fosse venuto il tempo; io, alla prova dei fatti, ero lì a sudare il sudore della mia fronte per dargli degna sepoltura. Senza sapere perché.

2.6 Le sue parole arrivano a lei portate dal vento che soffia dal mare. Non parla molto, ma il giusto, quel giusto che lei ha sempre amato e temuto.

3.4 Le cose sembravano girare per il verso giusto, su questo non c’era dubbio. Eppure certe notti si svegliava ancora con gli occhi iniettati di sangue e col bisogno struggente di andare a dormire accanto alla sorella, che lo accoglieva, così minuta in un letto che pareva una distesa senza confini, e gli accarezzava i capelli cantandogli una ninna nanna. E non era possibile che passasse molto del suo tempo in mutande e canottiera davanti al grande specchio lucido in camera dei genitori.

1.5 La notte inesorabile si posava su tutte le cose, mentre una lieve brezza saliva su dal mare, aiutandomi a non lasciarmi vincere dalla profonda stanchezza. Con occhio esperto e carico di responsabilità saggiavo la quantità delle cataste di legna.

3.5 Sale le scale di casa senza aver voglia di impazzire o di rimanerci secco all’istante, il che per lui sono la stessa cosa. È sicuro che la casa gli sembrerà un poco più colorata e luminosa rispetto a quegli ultimi anni, finalmente ripulita da quella patina grigia che sempre la riveste, tipo pellicola che nessuno può toccare e solo lui, poverino, percepire.

2.7 Rimangono seduti lì fuori fino a che possono, fino a che resistono, fino a che non fa così freddo che sono costretti a rientrare in casa.

3.6 …chiude gli occhi per non lasciarsi distrarre. Cade pesantemente a terra, batte il petto e le braccia contro il pavimento, ma non se ne cura, così come non è troppo turbato nel sentire il suo corpo esposto alla furia dello scarpone impolverato dell’artista fallito, del vedovo, dello sfruttato.

6 commenti su “Rovesci – Arlecchino # 1

  1. Ivana Daccò
    gennaio 19, 2019

    Non che ciò che scrivi sia del tutto riposante. Ma tu lo sai bene.
    Mi piace molto.

    • tommasoaramaico
      gennaio 20, 2019

      Grazie. Se lo fosse, meglio fare silenzio – di cose riposanti è già pieno il mondo. Poi, che siano anche belle (e non-false) è altra storia, il fine, il puntino all’orizzonte.

      • Ivana Daccò
        gennaio 20, 2019

        Anche considerandolo un punto inarrivabile, direi che la tua scrittura lo attinge.
        Poi, è molto interessante la tua restituzione del processo di scrittura, di maturazione di una storia. Giusto ringraziarti

      • tommasoaramaico
        gennaio 20, 2019

        Direi che in questo ultimo periodo mi sto concentrando su operazioni diverse – tipo smontaggio, montaggio e riciclo. È un altro modo per ribadire che nulla va gettato, ma, ove possibile, trasformato. Questo vale in anche in letteratura, credo. Per il resto, quel “in più” è un modo per tentare qualche sortita nel “campo dell’altro”.

  2. Ivana Daccò
    gennaio 21, 2019

    Mi par bene! 😉

  3. Pingback: Arlecchino # 2 – Il posto di ciascuno | Tommaso Aramaico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 19, 2019 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Blogorilla Sapiens

Il blog di Gorilla Sapiens Edizioni

NEUTOPIA

— PIANO DI FUGA DALLA RETE —

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

A piedi nudi nella Psiche

Blog di Psicologia e Psicoterapia a cura della dott.ssa Annalisa Scaffidi

crateri

il blog di eliana petrizzi

IL RIFUGIO DELL'IRCOCERVO

letterature, mondi e animali mitologici

Spore

Contaminazioni fantastiche

kobowritinglifeitaly.wordpress.com/

Pubblicare il proprio libro in piena libertà

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: