Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Andersen, La diligenza da dodici posti

Faceva un freddo intenso, pungente: il cielo luccicava tutto di stelle: non tirava unalito di vento. Pum! Ecco che una vecchia stagna da petrolio venne a colpire l’uscio di una casa. Pim! Pam! fecero i mortaretti di rimando, perché si festeggiava l’anno nuovo. Era la notte di San Silvestro, e l’orologio della chiesa aveva sonato allora allora dodici tocchi. Troc troc! Troc troc! Teretee! Il carrozzone della diligenza arrivava, pesante, mezzo sconquassato; e si fermò alla porta della città. Dentro c’erano dodici passeggieri, né di più avrebbe potuto portarne: tutti i posti erano presi.

Nelle urla e nelle grida si voltano le spalle al vecchio e si saluta il nuovo anno che fa il suo ingresso in pompa in questa breve e spassosa fiaba di Hans Christian Andersen dal titolo La diligenza da dodici posti di cui voglio servirmi per salutare questo nuovo anno. Così come nella realtà, anche qui si canta e si brinda, si augura felicità, fortuna, amore e di far quattrini a volontà, mentre alle porte della città si ferma un carrozzone che porta dodici forestieri. Tutti con bagaglio, passaporto e regali per gli abitanti della città. Sono dodici, questi passeggeri, e rappresentano i mesi dell’anno che sta per iniziare e di cui portano il nome. C’è Gennaio, colui su cui tanti concentrano le loro speranze. C’è Febbraio gaio, variopinto, eccentrico. È colui che vive di meno, con i suoi ventotto giorni, ma è pur sempre il Principe del Carnevale e con lui l’allegria non manca mai. Magro “come una quaresima” è Marzo. Aprile è scherzoso e ambiguo, mutevole e lunatico, fra tutti il più imprevedibile. Maggiolina è una bella giovinetta che canta e racconta magnifiche storie, tutt’uno con la natura. Donna splendida ed altera è Giugno, che fra tutti i mesi pare avere i poteri più grandi. Non viaggia sola, ma con Luglio, suo fratello minore, che è grassoccio e con poco bagaglio perché ogni cosa, col caldo, dà noia. Mamma Agostina è una massaia accaldata che lavora molto e produce molte cose buone da mangiare. Per Settembre – che fra tutti è quello che nella realtà prediligo – lascio la parola alla fiaba stessa:

…scese dalla diligenza un pittore, il grande colorista Prof. Settembre. Tutta la foresta lo conosce! Le foglie mutano colore, – e con che magnificenza! – al solo suo cenno: ben presto il bosco splenderà di rosso acceso, di giallo, di bruno dorato. Il maestro zufola come un merlo, lavora spedito, e intreccia i verdi viticci del luppolo intorno al suo boccale di birra. Così ornato, il boccale ha un bellissimo aspetto, ed in verità il Prof. Settembre ha per l’ornamentazione un gusto squisito. Era arrivato con i suoi tubetti di colore, che formavano tutto il suo bagaglio.

Uomo di campagna, appassionato di caccia, è Ottobre, che ha pensiero solo per l’agricoltura, tutto intento a seminare, arare e dissodare. Pieno di tosse e raffreddore e lamentosi malanni è Novembre. Si presenta, infine, Nonno Dicembre, che porta con sé un piccolo abete (di cui si prenderà cura e che farà crescere forte in vista del Natale) e bel libello di fiabe da leggere ai bambini.

Chissà come andrebbe raccontata oggi, una fiaba del genere. Come la racconterebbe Andersen. Ognuno dei mesi dell’anno avrebbe certamente non una, ma due o addirittura più volti, sembianze, caratteri, in linea con un mondo fattosi, almeno all’apparenza, molto più complesso. I mesi si porterebbero dietro moduli e dichiarazioni, strumenti e tecnologie fantasmagoriche, desideri diversi e nuovi, così come nuove ansie e preoccupazioni. Tutti i mesi avrebbero qualcosa di carnevalesco, tutti sarebbero attraversati da un misto di ilarità e melanconia. E tutto senza contare che non si presenterebbero più in carrozza, ma chissà come…io me li immagino diversi, ma questo è secondario. Io, del resto, sono troppo abituato a fare bilanci e progetti non in questo periodo dell’anno bensì in Agosto, il mese più crudele, e a far partire il nuovo anno da Settembre. Su una cosa Andersen non poteva, non può, né mai potrà mai temere di esser smentito, però…

Di qui a un anno, credo che sarò in grado di dirvi quello che i dodici viaggiatori avranno portato in dono a me, a voi, a tutti. Ora non lo so, parola d’onore; e sto per dire che forse non lo sanno nemmeno loro. Si vive in certi tempi così curiosi…

5 commenti su “Andersen, La diligenza da dodici posti

  1. Guido Sperandio
    gennaio 1, 2018

    Ignoravo questa fiaba, veramente simpatica e creativa e condivido le tue osservazioni compresa la nota personale del nuovo anno che decolla… a settembre.
    La frase finale: “Si vive in certi tempi così curiosi” mi ha fatto sorridere.
    È una sensazione evidentemente ricorrente ad ogni epoca.

    • tommasoaramaico
      gennaio 1, 2018

      Esatto. Nessuno, in nessun tempo, può legittimamente sostenere di vivere in tempi che non siano strani o curiosi. Contrastetebbero con la natura dell’uomo, che di questi tempi è artefice.

  2. Ivana Daccò
    gennaio 1, 2018

    Non conosco questa faba. Per la verità, ho sempre evitato Andersen, causa la priama sua fiaba che ho letto (o che mi è stata raccontata, immagino), La piccola fiammiferaia, che ho aborrito. Da tempo, essendomi avvenuto di leggere qualcosa di Andersen ai miei nipotini, so bene di dovermi ricredere, ma ho resistito.
    Mi emenderò.
    Buon anno!

    • tommasoaramaico
      gennaio 1, 2018

      Le fiabe di Andersen non sono quelle che preferisco, ma sono pur sempre belle e in alcuni casi addirittura spassose. Ancora buon anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 1, 2018 da con tag , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Riga per Riga

Recensioni, opinioni e viaggi intorno ai libri

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

ENDOXA/PROSPETTIVE SUL PRESENTE

ANNO 3, NUMERO 13, MAGGIO 2018

LIBRIMPROBABILI

Cronache di cialtroni vittoriosi

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Penitenziagite! (Un cadavere nella Rete)

La prima Social Network Novel in assoluto

al BlogBar dell'uvi

Area di sosta per uno scambio di opinioni piacevole e informale

DIALOGHI APERTI

Sii indulgente con le colpe altrui e saprai perdonare te stesso

Circolo16

Blog di ricerca letteraria curato da GenioChiara

Opera Uno

Poeti e Scrittori alla ribalta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: