Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Natale #3: Tolstoj, Il Natale di Martin

In una certa città viveva un ciabattino, di nome Martin Avdeic. Lavorava in una stanzetta in un seminterrato, con una finestra che guardava sulla strada […]. Anni prima, gli erano morti la moglie e i figli e Martin si era disperato al punto di rimproverare Dio.

Poi un giorno, un santo pellegrino si presenta alla sua bottega e dopo averlo ascoltato lamentare pene e sventure e il fatto che ha addirittura perso il desiderio di vivere, infine gli parla: “La tua disperazione è dovuta al fatto che vuoi vivere solo per la tua felicità. Leggi il Vangelo e saprai come il Signore vorrebbe che tu vivessi“. Martin il ciabattino compra una Bibbia e ne rimane come folgorato. Durante la lettura arriva al celebre passo del Vangelo di Luca in cui si narra di un ricco fariseo che ospita il Signore nella sua casa, ma senza accoglierlo nel modo che più si conviene, mentre una povera peccatrice prima con le lacrime gli lava i piedi, poi con i capelli glieli asciuga. Dopo la lettura di questo passo, Martin cade in un profondo sonno, in cui una voce lo raggiunge e gli dice di guardare fuori dalla sua bottega, il giorno appresso, perché il Signore gli farà visita e lui dovrà accoglierlo nel modo migliore.

Martin passa tutta la giornata nella sua bottega, di continuo lascia scivolare lo sguardo lungo la strada, nell’attesa della visita tanto attesa. Il ciabattino, nel mentre, invita ad entrare e a riscaldarsi il vecchio Stepanic, che era fuori al gelo, sotto la neve. Vedendolo infreddolito oltremisura offre al vecchio due tazze di tè bollente: “Grazie, Martin Avdeic. Mi hai dato conforto per l’anima e per il corpo“. Subito dopo invita nella sua bottega una donna che stringe fra le braccia un povero bambino. Alla donna, che il ciabattino scopre essere una vedova senza più nulla, offre il poco che ha: una zuppa con del pane e poi qualche soldo ed un vecchio mantello per avvolgere il bambino e proteggerlo dal freddo: “La donna, prendendolo, scoppiò in lacrime: Che il Signore la benedica“. Infine Martin seda una lite fra una vecchia che vende mele ed un ragazzino che, affamato, aveva cercato di rubargliene una. Martin Avdeic compra una mela per il ragazzo che a sua volta, per farsi perdonare, aiuta la vecchia a portar verso casa il pesante sacco colmo di frutti. S’era intanto fatto buio e Martin “non riusciva più ad infilare l’ago nei buchi del cuoio“. Solo allora, quando tutto era nuovamente tornato nel buio e nella solitudine, la voce torna a risuonare chiamando l’umile ciabattino, solo che questa volta prende anche forma: del vecchio Stepanic, della vedova col bambino, della vecchia col ragazzo affamato. Tutti sorridevano. Allora Martin il ciabattino capisce cosa gli era accaduto in quella lunga giornata. Il Signore gli aveva fatto visita non una, ma tre volte, e lui aveva saputo accoglierlo. Stava scritto nei Vangeli, del resto.

Quanto avete fatto ad uno dei più piccoli dei miei fratelli, l’avete fatto a me.

7E5A465677595A-300x224

Come è diverso il Natale di Tolstoj da quello di Cechov. Qui si impone prepotentemente l’idea del Natale come un essere pronti alla chiamata, dove questa chiamata a rispondere di sé e della propria capacità di accogliere il Signore viene misurata in modo del tutto eccentrico: per trovare Dio, e per ben accoglierlo, bisogna in qualche modo perderlo di vista, dimenticarlo, voltargli le spalle per guardare altrove e rivolgersi agli altri uomini. La religione non comanda di incontrare Dio direttamente (cosa del resto impossibile), ma di onorarlo attraverso la cura rivolta all’altro. Il Vangelo non comanda di guardare su in alto, ma davanti a noi e verso la terra, lì dove sono gli umili e i bisognosi. Così Martin appare come un uomo che al principio non sa fare nulla tanto del proprio dolore, quando della mancanza di senso della sua vita, ma poi, grazie alle parole del santo pellegrino, così come attraverso la lettura dei vangeli, riesce non tanto ad eliminare il dolore della sua esistenza (sarebbe una soluzione troppo a buon mercato), ma ad evitare che questo dolore lo porti prima a chiudersi in se stesso e poi, trovando il nulla dentro di sè, a mandare prima il mondo al diavolo, e poi convincersi che la vita stessa non sia degna d’esser vissuta. Volgere lo sguardo all’altro permette a Martin di dare un senso alla sua vita a partire dall’impegno che mette nel dare sollievo a chi gli è intorno. Può sembrare ingenua, la visione di Tolstoj, troppo legata ad un altro secolo, ad una sensibilità altra, addirittura a qualcosa di folcloristico, di eccessivamente russo (o popolare), quasi di superstizioso…eppure qualcosa di universale brilla da questa storia che si impone in tutta la sua linearità, così come in una semplicità che non deve ingannare. Ne Il Natale di Martin non c’è nulla di ingenuo e di edificante, perché qui (senza dimenticare l’ingiustizia che segna il mondo e la sorte degli uomini) si fa appello all’umanità e al bene (in noi come negli altri) non come a qualcosa di già dato, ma come ad un compito che ci sta di fronte, che va perseguito e mai sarà portato a compimento.

Ebbi fame e mi deste da mangiare, ebbi sete e mi dissetaste, fui forestiero e mi accoglieste.

3 commenti su “Natale #3: Tolstoj, Il Natale di Martin

  1. Alessandra
    dicembre 30, 2014

    Si potrebbe forse dire che la visione di Tolstoj è più concreta, è l’attesa di un qualcosa (promessa, rivelazione) che spinge comunque a darsi da fare, a prodigarsi per l’altro, mentre quella di Cechov appare più aleatoria, un’attesa che si avvolge di sogni e speranze. Colgo l’occasione per augurarti un anno pieno di soddisfazioni 🙂

    • tommasoaramaico
      dicembre 31, 2014

      Vero, in Tolstoj (grazie al concorso dell’uomo) Dio è veramente nel mondo, mentre in Cechov questo mondo (e il nostro destino in esso) appare irrimediabilmente separato dal bene e così, come giustamente scrivi, tutto si risolve in un’attesa (forse) priva di slancio. Grazie per lo spunto di riflessione. Felice Anno Nuovo a te!

  2. Pingback: Natale #5: Charles Dickens, Un canto di Natale | Tommaso Aramaico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 30, 2014 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Ad alta voce / En voz alta

...e non più quando è notte alle mie spalle splendono due ali. (Arsenij Aleksandrovic Tarkovskij)

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Mia Nonna Fuma

Il blog di Alessandro Raschellà

Nothing_Is_True_Nothing_Is_Untrue

...all human actions and interactions are psychological...

Pittate d'ogni giorno

di Attilio Del Giudice

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: