Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Dialoghi #6

–          Che è, scemo?

–          No, sordo, e anche muto. È spuntato fuori dal nulla un paio di settimane fa.

–          Mhmm.

–          Gli diamo qualcosa da mangiare. Lo chiamiamo Senzanome.

–          Come?

–          Non ha un nome o non lo sa o non è capace a dircelo, probabilmente è mezzo scemo come dici tu, e così noi lo abbiamo chiamato Senzanome.

–          Mhmm.

–          Già.

–          Il suo nome è Senzanome.

–          L’hai appena detto.

–          Allora ha un nome?

–          Si.

–          Quindi non è senza nome, se ha un nome.

–          Hey amico, dove vuoi arrivare?

–          Hai appena detto che ha un nome.

–          Già.

–          Eppure lo chiamate tutti Senzanome.

–          Puoi giurarci.

–          Amico mio, prometti di non offenderti.

–          Non posso prometterti nulla, però parla.

–          Questa è un’aporia, amico.

–          Che?

–          Insomma, quello un nome ce l’ha o non ce l’ha.

–          No, che non ce l’ha, cazzo! È per questo che lo chiamiamo Senzanome.

–          Ma se tutti lo chiamate allo stesso modo, allora lui ha un nome e questo nome è Senzanome.

–          Non vedo il problema, amico.

–          Il problema sta nel fatto che non potete chiamare Senzanome uno che un nome invece ce l’ha.

–          E come dovremmo chiamarlo?

–          Col suo vero nome, cristo!

–          Nessuno di noi lo conosce, questo mi sembrava di avertelo già detto.

–          Amico tu hai le idee confuse. Hai detto esplicitamente che tu lo chiami per nome.

–          Frena, frena, mi stai mandando il cervello in pappa.

–          Ok, scusa.

–          Tranquillo.

–          No, davvero, scusa, non volevo dirti che eri caduto in un’aporia.

–          Scuse accettate.

–          Bene, e come facciamo con quello?

–          Chi?

–          Il sordomuto, lo straniero, l’uomo che è venuto dal nulla, forse da lontano.

–          Direi che non me ne frega un emerito cazzo!

–          Sicuro?

–          Cazzo, amico, non so nemmeno il suo fottuto nome.

–          Adesso ti riconosco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 17, 2013 da con tag .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

IL CLUB DEL SAPERE FILOSOFICO

«La filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.» (Antonio Tabucchi)

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

Viteconsapevoli

Ogni scelta modella la tua vita. Diventa consapevole delle tue scelte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: