Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Incipit: Lia e Lea

Una debole luce filtrava dalle vecchie persiane tutte sgangherate, andando a raggrumarsi in tante macchioline giallognole sulle pareti della camera da letto; a tratti, preceduti nella distanza dal rombo di un motore, i fari delle macchine scagliavano saette che tracciavano diagonali lungo il soffitto prima di scomparire dietro gli scatoloni accatastati sull’armadio. Lì sotto, le dita incrociate dietro la testa e il cuscino inclinato sullo schienale del letto, Marcello aspettava che la notte passasse. Qualche rumore, ogni tanto, gocciolava dal piano di sopra, niente di eccezionale o di particolarmente fastidioso, era la signora Viturbo alle prese con l’insonnia.

Il cuscino era stato girato e rigirato, la televisione accesa e poi spenta, le coperte tirate su fino al mento e poi buttate di lato, gli ordini del negozio ripassati mentalmente, due gomitate assestate alla moglie che digrignava i denti nel sonno, la porta di casa controllata dopo un rumore sospetto, un paio di sigarette fumate alla finestra del bagno. In poche parole, era pronto per alzarsi. Erano le tre e mezza e di solito a quell’ora lasciava la camera da letto per andare in cucina. Lì accostava la porta, accendeva la sua radiolina sintonizzata su una stazione che trasmetteva solo musica da camera e aspettava che si facessero le sei leggendo, facendo calcoli e, in generale, pensando a tutto quello che doveva fare; quando alla radiolina iniziava il giornale delle sei, preparava la colazione.

Stava per alzarsi quando il cellulare aveva preso a vibrare, zigzagando e lampeggiando sul comodino. Da un po’ di tempo, dopo ripetute discussioni, aveva ceduto alle pretese di Lorena, sua moglie, ed aveva finito per lasciarlo acceso giorno e notte. Afferrato il cellulare era andato spedito in cucina, dove aveva risposto con un filo di voce per non svegliare nessuno. Sapeva che era il padre, così come conosceva già il motivo che doveva averlo spinto a chiamare a quell’ora, in piena notte. Era per quell’eventualità che Lorena lo aveva obbligato a tenere il cellulare acceso ventiquattro ore su ventiquattro.

«Tua madre è morta» era il padre a parlare, con voce asciutta, resa incerta e lontana dal vento che soffiava forte. Doveva essere in giardino, in quel momento. Marcello non aveva commentato, quindi il vecchio aveva ripreso da dove si era fermato: «che fai, vieni?»

«Parto subito, fra quattro cinque ore sono lì». Lasciato il cellulare sul tavolo era rimasto per qualche secondo immobile, ben attento a misurare e registrare anche la più piccola modificazione che in lui poteva suscitare quella notizia. Teoricamente, cioè da manuale, la morte di uno dei suoi genitori, del tipo di genitori che lui aveva avuto, poteva causargli, in termini di energia liberata e sconvolgimento interiore, danni equiparabili a quelli di una cucina dove una pentola a pressione venisse scoperchiata proprio nel bel mezzo della cottura di un arrosto. Una bomba, dunque, una vera crisi che poteva verosimilmente non lasciargli via di scampo o, nella migliore delle ipotesi, da contrastare per mezzo di una lunga convalescenza e dolorose, oltre che costose, cure mediche. E invece calma piatta, o quasi.

continua a leggere…

Il posto di ciascuno, Tommaso Aramaico

Clicca per acquistare

Un commento su “Incipit: Lia e Lea

  1. Mara
    settembre 7, 2013

    Leggendo questo racconto mi sono chiesta se è possibile che il dolore per un figlio perduto si possa abbattere su quelli rimasti, trascinando tutti in una vita triste e sofferta. Un dolore così grande può portare alla pazzia e allora tutto è possibile. Un dolore così grande è insuperabile. Un dolore così grande segna la vita, senza poter tornare indietro e coinvolge tutti. Il racconto è quanto mai reale, appassionante e trascinante, oltre che ben scritto. Vale la pena leggerlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 7, 2013 da con tag , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Pittate d'ogni giorno

di Attilio Del Giudice

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

TELEGRAPH AVENUE - Libri e recensioni

"La letteratura e la poesia riescono a farmi sentire umano" David Foster Wallace

Quattro chiacchiere in compagnia

Quando i pensieri premono troppo nella testa

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: