Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

DeLillo, Great Jones Street

Great Jones Street è un romanzo incentrato sul problema della mercificazione dell’arte? Si. Ma di questa opera si può e si deve dire anche altro. Questo è un romanzo che si interroga sulla possibilità, nel mondo contemporaneo, di essere felici o autentici. Una possibilità del genere sembra aprirsi solo a chi è disposto a scrostarsi di dosso l’inclinazione al successo, o, in altre parole, l’inclinazione dell’Io narcisistico che vuole costituirsi come centro del mondo (finalità che quotidianamente ci viene ricordata dal capitalismo nella sua pervasività). Bucky Wunderlick, il protagonista del romanzo, è una rockstar che all’apice della fama decide di mollare tutto e rifugiarsi in un appartamento in un angolo di New York, in una strada che dà il titolo all’opera stessa. In questa ricerca di una solitudine impossibile, Bucky viene intercettato da giornalisti in cerca di notizie, uomini del mondo dello spettacolo, tipi stravaganti che cercano di coinvolgerlo nel commercio di una nuova e potentissima droga (sempre che lui non sia già, in quanto fenomeno mediatico, una droga di per sé). Ma una è la cosa in comune a tutte le persone che lo cercano: vogliono spingere Bucky a seguire sino in fondo e senza timore il suo compito, tutti lo incitano a risolvere il suo mito (ovvero il suo destino di merce nel consumo di massa) nell’unico atto possibile e cioè il suicidio, togliersi la vita. Così come ogni merce che si rispetti (e cioè che fa il suo dovere) deve necessariamente andare incontro alla propria fine per lasciare così posto ad altre merci e, più in generale, permettere al mercato di essere in continuo fermento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 18, 2013 da con tag , , , , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Articoli che mi piacciono

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

La Grande Estinzione

Per un romanzo diffuso dell'Antropocene

L'arte di salvarsi

La vita è l'unica opera d'arte che possediamo.

Il verbo leggere

Recensioni, consigli di lettura e cose da lettori

Antologia del TEMPO che resta

“Faccio dire agli altri quello che non so dire bene io", Michel De Montaigne

IL CLUB DEL SAPERE FILOSOFICO

«La filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.» (Antonio Tabucchi)

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Studia Humanitatis - παιδεία

ΟYΤΩΣ AΤΑΛΑIΠΩΡΟΣ ΤΟIΣ ΠΟΛΛΟIΣ H ΖHΤΗΣΙΣ ΤHΣ AΛΗΘΕIΑΣ, ΚΑI EΠI ΤA EΤΟIΜΑ ΜAΛΛΟΝ ΤΡEΠΟΝΤΑΙ. «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità e molti si volgono volentieri verso ciò che è più a portata di mano». (Thuc. I 20, 3)

Cultura Oltre

Rivista culturale on line

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: