Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Jim Thompson Colpo di spugna

Bisogna evitare il rischio di andare a finire fra tutta quella “gente che cerca risposte facili a problemi grossi”, senza capire che nel mondo ci sono un mucchio di cose che devono andare storte e che tutto ciò accade non per una, ma per migliaia di ragioni. Questo è forse il primo e più importante consiglio che ci viene dalla bocca di Nick Corey. Ed è proprio per questo motivo che bisogna evitare di accontentarsi di spiegazioni facili nel tentativo di capire qualcosa di Nick stesso, protagonista di questo incredibile romanzo. Si, Nick Corey è uno sceriffo accomodante e passivo, ed è probabilmente vero che a tirarlo su in quel modo deve aver contribuito un padre che l’ha educato a bastonate. Ed è vero, anzi, verissimo, che Nick, sceriffo della Contea di Potts, la più piccola del Texas e che conta solo 1280 anime, partecipa senza opporre resistenza alcuna alla generale ipocrisia che lo circonda, dimostrandosi del tutto integrato in un ingranaggio fatto di vizi e di piccoli atti di corruzione. Si, è tutto vero, eppure c’è qualcosa di più, qualcosa che eccede. Quella di Nick Corey non è semplice passività. C’è qualcosa di più, di più e di esemplare al tempo stesso. Nick incarna qualcosa che non può essere derubricato a mero cinismo tipico dell’americano medio degli stati del sud. Jim Thompson mette in moto un meccanismo molto più articolato. Va oltre la semplice descrizione e denuncia dei vizi e della miseria morale che gli sta intorno, ingaggiando così qualcosa come una riflessione sul male stesso. Attraverso Nick Corey sembra suggerire qualcosa come l’esistenza di una massima (pervertita) incassata da sempre nell’anima, una tendenza al male che non è il frutto di una scelta, ma parte della natura umana in quanto tale. Qualcosa come un “male radicale”, una tendenza che guida, dirige e determina il nostro agire in molti modi diversi.

Immagine

Colpo di spugna è un romanzo tutto incentrato sul problema del male e della potenza della parola, su come la realtà possa mutare a seconda del racconto che se ne fa. È un romanzo sulle allusioni e le dicerie che attecchiscono e trovano alimento in quel terreno paludoso che è l’uomo, in quel male radicale cui si accennava un attimo fa e di cui Nick Corey dà prova a più riprese agendo secondo ragioni che non conosce, secondo progetti che non padroneggia e che si rende conto di aver progettato mano a mano che li realizza. Solo in questo senso Nick Corey è lo specchio della depravazione e dei vizi di tutti, perché come tutti desidera infangare gli altri, come tutti è preso dalla brama di sentir parlare male degli altri e di credere che gli altri non siano all’altezza, proprio come ognuno di noi intimamente si sente. La voglia di infangare e la disponibilità di tutti a dar credito a qualsiasi diceria, permette a Nick – e questo per mezzo di poche allusioni buttate lì a casaccio – di mettere fuori gioco Sam Gaddis, il suo avversario per la carica di sceriffo. Ed ecco che la vita si decide a partire dalla capacità o meno di far fronte alle menzogne che ci circondano. In questo universo fatto di inclinazioni egoistiche, dominato da un discorso che non mira alla verità, ma alla semplice sopraffazione per mezzo della diceria, ecco stagliarsi un Dio incomprensibile ed ingiusto, che opera in modo arbitrario e di cui Nick si sente operoso ministro, anche se incapace di comprendere o decidere su nulla.

3 commenti su “Jim Thompson Colpo di spugna

  1. wwayne
    settembre 3, 2013

    2 anni fa trovai in libreria il volume “Tutti i racconti western” di Elmore Leonard. Fu una rivelazione: da allora cominciai ad informarmi su questo genere letterario, e ad acquistare molti romanzi appartenenti ad esso. Sono ancor oggi trovabilissimi su ebay a prezzi stracciati. Praticamente te li regalano, perché non hanno mercato. Per me, invece, non hanno prezzo.
    Se anche tu vuoi ampliare la tua conoscenza della narrativa western, ti consiglio di cercare in particolare i libri di:

    Clay Fisher
    Norman Fox
    Clair Huffaker
    Theodore V. Olsen
    Lewis B. Patten

    • tommasoaramaico
      settembre 9, 2013

      Grazie per il consiglio. In realtà la mia conoscenza della letteratura western è piuttosto limitata. Posso vantare solo la “Trilogia della frontiera” di Cormac McCarthy.

      • wwayne
        settembre 9, 2013

        Provai a leggerne il primo libro anni fa, e non andai oltre le prime pagine. Ma tu sembri avere dei gusti letterari simili ai miei e hai letto l’ intera trilogia dalla prima all’ ultima pagina, quindi potrei dare a McCarthy una seconda chance. Grazie per la risposta! : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 25, 2013 da con tag , .

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Ad alta voce / En voz alta

...e non più quando è notte alle mie spalle splendono due ali. (Arsenij Aleksandrovic Tarkovskij)

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Mia Nonna Fuma

Il blog di Alessandro Raschellà

Nothing_Is_True_Nothing_Is_Untrue

...all human actions and interactions are psychological...

Pittate d'ogni giorno

di Attilio Del Giudice

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: