Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

F. Dürrenmatt Il sospetto (Parte prima)

  Siamo nel 1948, all’interno di un ospedale dove Hans Bärlach, ispettore infartuato e da poco operato, si trova ai ferri corti con una vita che già più volte ha già minacciato di abbandonarlo. Dopo intere giornate in cui tutto aveva fatto temere il peggio, finalmente l’ispettore dà i primi segni di miglioramento. Costretto a letto, sfoglia dei vecchi numeri della rivista Life, risalenti al 1945: “Belve”, questa la prima parola che si ode dalla bocca dell’ispettore, anzi, la prima parola proferita nel romanzo stesso. Le “belve” sono i nazionalsocialisti e, in particolar modo, un medico nazista immortalato in uno scatto fotografico mentre operava senza narcosi un disgraziato cui era stato aperto lo stomaco. L’ispettore parlava al dottor Samuel Hungertobel, in quel momento nella stanza di Bärlach per la visita quotidiana. Passata di mano, la foto su Life aveva fatto impallidire il medico. Nehle è il nome del medico nazista. Il giorno successivo l’ispettore riesce a far ammettere al medico il perché di tanta agitazione alla vista di quella foto: era per la sorprendente rassomiglianza del medico nazista della foto – il dottor Nehle – con un altro medico, suo amico e collega di nome Fritz Emmenberger. Benché palesemente assurda, l’impressione che quella foto aveva suscitata su Hungertobel era stata ingigantita da un inquietante dettaglio: una cicatrice sulla tempia del dottore nazista, cicatrice identica a quella rimasta sulla tempia del dottor Emmenberger in seguito ad un’operazione che lui stesso aveva effettuato. All’altezza di tale confessione giunge a maturazione quel frutto cui l’ispettore Bärlach aveva dedicato tutta una vita. Il frutto coltivato, curato e poi assaporato era quello del “sospetto”.

Immagine

  Ma, cosa è il “sospetto”? L’Autore ce ne dà una prima definizione, il “sospetto” è una cosa “spaventosa”, una tentazione vera e propria, qualcosa che suggerisce il “diavolo” stesso. Ecco che il “sospetto”, ciò di cui l’ispettore Bärlach vive, viene ad essere configurato con l’atteggiamento di chi non dà le cose per buone, di chi vede l’ambiguità ovunque. Ecco che l’atteggiamento dell’ispettore, di chi cerca la verità, l’atteggiamento, per così dire, filosofico, viene illuminato nella prospettiva di chi è fuori dalla grazia di Dio, di chi viene punzecchiato dal demoniaco.

 Immagine

  Ma, dove porta questo “sospetto”? Se tale atteggiamento risente di una presenza demoniaca e, per conseguenza, scava una distanza fra l’uomo e Dio, allora tale stato d’animo sarà tutto volto a mettere in discussione la stessa alleanza fra uomo e Dio: “bestie”, questa la prima parola proferita dall’ispettore; “non siamo bestie”, questa la protesta che il dottor Hungertobel oppone al “sospetto” insinuato dall’ispettore. Il “sospetto” si allarga, insozza tutto quello che trova – instaura una pericolosa coincidenza fra l’uomo e la bestia, allontana l’uomo da Dio, smaschera tutta l’illusorietà della pretesa antica alleanza, sgancia l’uomo dalla trascendenza riportandolo all’immanenza dell’animalità. In gioco c’è il problema dell’essenza stessa dell’uomo, il tentativo di far saltare ogni ingenuo ottimismo, di avanzare una antropologia tutta all’insegna del pessimismo. C’è molta carne al fuoco, la questione ha bisogno di tempo e non può essere sbrigata su due piedi. Il “sospetto” in quanto sospetto chiede tempo, dedizione, attenzione, silenzio, riflessione. Il “sospetto” in quanto sospetto non può essere preso alla leggera, poiché in Dürrenmatt tale tensione si configura come presa di posizione morale nei confronti dell’uomo in quanto tale.

2 commenti su “F. Dürrenmatt Il sospetto (Parte prima)

  1. Antonio
    luglio 7, 2014

    Nella mia lista. Adesso ho i suoi racconti tra le mani, ma arriverò anche a “Il sospetto”.

    • tommasoaramaico
      luglio 7, 2014

      Dei racconti, oltre che dal celebre “La panne”, sono rimasto folgorato da “La morte della Pizia”. È così bello e complesso che pur avendo da tempo voglia di scriverne non sono ancora riuscito a trovare la giusta prospettiva per farlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 12, 2013 da con tag , .

Navigazione

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Cookie Policy

Questo blog è ospitato su piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e la titolare del suddetto blog non ha alcun accesso ai dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori.
Il visitatore può bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione dal menu "Opzioni" del proprio browser.
Questo blog è soggetto alla Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

Blog che seguo

Pittate d'ogni giorno

di Attilio Del Giudice

Almeno Tu

racconti e riflessioni

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

TELEGRAPH AVENUE - Libri e recensioni

"La letteratura e la poesia riescono a farmi sentire umano" David Foster Wallace

Quattro chiacchiere in compagnia

Quando i pensieri premono troppo nella testa

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

A4

La rivista letteraria che non la racconta giusta – in un foglio solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: